Nemo propheta in patria

Nessuno è profeta in patria questo si sa. Certo è che il trattamento riservato a due sulmonesi della cultura come Gabriele Cirilli e Paolo Cavallone è il segno di una città che forse non li merita. Ma è davvero colpa di tutta la città? A ben vedere Cirilli è amatissimo dai sulmonesi, forse anche perché…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti