No green pass in piazza: “Noi come la Brigata Maiella”

Una cinquantina di persone provenienti da tutto Abruzzo: si sono riuniti questa mattina in piazza XX settembre a Sulmona i no vax-no green pass della regione. Una manifestazione pacifica durata un’oretta e nella quale è stata annunciata la protesta che li vedrà protagonisti il 15 gennaio prossimo a Roma: “Un evento internazionale – ha spiegato Nico Liberati, leader del movimento – che ha come obiettivo quello di far cadere il governo e di abbattere la monarchia della Commissione europea”. (video)

La matrice politica, insomma, è netta e dichiarata, contro quello che i no green pass considerano a tutti gli effetti un “colpo di Stato”. Quello dei vaccini, “che vaccini non sono”, è insomma solo un seme sul quale fondare un movimento politico destinato, secondo i partecipanti, ad organizzarsi per il futuro.

In tal senso i manifestanti si sono paragonati ai partigiani della Brigata Maiella: “Loro come noi erano all’inizio un gruppo di resistenti sparsi – hanno detto i manifestanti – che si sono messi insieme senza conoscersi e per combattere insieme per la democrazia”.

Un paragone che non ha mancato di suscitare l’indignata reazione di alcuni passanti, qui nella terra che alla Brigata Maiella ha offerto oltre quattrocento partigiani.

Sui vaccini mRna i no green pass hanno le idee chiare, che non coincidono evidentemente con quelli della scienza ufficiale: “Uno sterminio di sperimentazione genica che non risparmia i bambini” li definiscono, mentre qualcuno denuncia “l’impunità degli omicidi colposi” subiti dalla vittime delle reazioni avverse.

20 Commenti su "No green pass in piazza: “Noi come la Brigata Maiella”"

  1. Sono ridicoli. Quando si sono paragonati alla Brigata Maiella hanno raggiunto l’apice della loro ignoranza.

  2. Luigi Gagliardi | 8 Gennaio 2022 at 14:29 | Rispondi

    Spero vivamente che si facciano il loro partito cosi i nostri politichetti avranno perso quei 5 milioni di voti e mettere l’obbligo vaccinale per tutti non gli costerà più nulla.
    Potrebbero chiedere la benedizione a Fassino, gli ultimi che l’hanno chiesta sono andati alla grande 😂
    Comunque paragonarsi alla brigata Maiella o ancora allo sterminio degli ebrei mi sembra un tantino esagerato.
    Hanno un sito web? Un manifesto? Uno statuto? Insomma qualcosa per capire cosa professano? Come dicevo in altro commento, anche se la pensano diversamente da me sono favorevole alle loro manifestazioni.

  3. Uguali. Stesse motivazioni, stessi nemici, stessa levatura.

  4. Una “cinquantina” meritano una notizia e questo fiume di commenti più o meno inutili?…
    Studiassero la storia piuttosto, e quando parlano di Brigata Maiella e di Resistenza si sciacquassero prima la bocca con bicarbonato di sodio e qualche goccia di amuchina.

    • P. S.
      L’estensore di un articolo di cronaca non è esattamente un vigile urbano che redige un verbale sotto dettatura. Un cronista racconta quello che vede e che sente, ma se vede e sente cose storte o sbagliate, o persino pericolose perché evidentemente false e strumentali, ha il dovere, il DOVERE!, di farlo notare a chi legge. Se poi preferisce fare il vigile urbano, lasciasse perdere il giornalismo, per la sua e la nostra “salute”.

      • Infatti caro Johnny nell’articolo è scritto che le teorie sui vaccini sono difformi dalle evidenze scientifiche e nell’intervista si controbatte al principio del “tu hai votato Draghi”, con argomentata precisazione costituzionale. Il dovere di un giornalista è anche quello di riportare un fatto di cronaca, per quanto sia lontano dalle proprie convinzioni. Un abbraccio affettuoso, come sempre

        • Non parlavo della video-intervista, “caro” Grizzly, ma del pezzo scritto che imprudentemente l’accompagnava.
          Certo, il dovere di cronaca è un baluardo del diritto a informare ed essere informati, ma laddove la cronaca offre notizie e commenti totalmente infondati e non veritieri, come in tutta evidenza si riscontra nella propaganda no-vax, non basta scrivere in un inciso che quelle teorie “sono difformi dalle evidenze scientifiche”, che è un’ovvietà, bensì che quelle teorie sono gigantesche bufale brandite strumentalmente per perseguire obiettivi che nulla hanno a che fare con le libertà costituzionali e tantomeno con la salute pubblica. That’s all!

  5. ennesima cazzata detta!….a cazzari,vaccinatevi!!

  6. Una domanda che non mi fa dormire da giorni, aiutatemi!! Nella parmigiana ci va o no una spolverata di pecorino?!?
    Grazie a chi vorrà aiutarmi!

  7. La vostra coscienza | 8 Gennaio 2022 at 16:32 | Rispondi

    Vi auguro di essere eretici.
    Eresia viene dal greco e vuol dire scelta.
    Eretico è la persona che sceglie e, in questo senso è colui che più della verità ama la ricerca della verità.
    E allora io ve lo auguro di cuore questo coraggio dell’eresia.
    Vi auguro l’eresia dei fatti prima che delle parole, l’eresia che sta nell’etica prima che nei discorsi.
    Vi auguro l’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità e dell’impegno.
    Oggi è eretico chi mette la propria libertà al servizio degli altri. Chi impegna la propria libertà per chi ancora libero non è.
    Eretico è chi non si accontenta dei saperi di seconda mano, chi studia, chi approfondisce, chi si mette in gioco in quello che fa.
    Eretico è chi si ribella al sonno delle coscienze, chi non si rassegna alle ingiustizie. Chi non pensa che la povertà sia una fatalità.
    Eretico è chi non cede alla tentazione del cinismo e dell’indifferenza.
    Chi crede che solo nel noi, l’io possa trovare una realizzazione.
    Eretico è chi ha il coraggio di avere più coraggio.

    (Luigi Ciotti)

  8. Il partito degli imbecilli.

  9. Ma io mi chiedo: ma quanta prosopopea e quale livello di alienazione, spocchia e inconsapevolezza può portare una persona capace di intendere e di volere a improvvisarsi biologo, virologo, epidemiologo, facendo delle figure di merda (a patto ovviamente che chi ascolta abbia un livello di istruzione almeno appena sufficiente) epocali e dicendo castronerie che, se affermate in un’interrogazione di scienze al liceo scientifico, sarebbero valse un bel 3?
    Stamattina, passando e ascoltando per il tempo necessario a percorrere piazza XX Settembre ho appreso una notizia straordinaria, una scoperta scientifica rivoluzionaria, quella secondo la quale nei vaccini per il covid ci sarebbero delle tossine. Chi parlava evidentemente non conosce neanche la differenza tra i vaccini virali e quelli batterici.
    Sentite a me: jeteven alla casa. Guardate che avere 50 persone che vi seguono non fa di voi dei vincenti, così come assumere delle posizioni eccezionali non vi rende eccezionali.

  10. #Luisa genio!

  11. Mi chiamo Antonio | 9 Gennaio 2022 at 08:27 | Rispondi

    … intanto io oggi proverò a farmi fare la dose booster ( dose richiamo)…me ne frego delle “ tossine”,
    del “ grafene” e di eventuali microchip inoculati…

  12. Vogliono abbattere in successione il governo, la commissione europea e anche la stesa Unione. Il tutto capeggiati da tal Nico Liberati.
    Del resto sino a tre anni fa milioni di italiani hanno pensato di poter realizzare i medesimi obiettivi megalomani capeggiati da Di Maio e Di Battista. Per fortuna il primo è stato migliorato dalla politica “ corrotta” e cioè essenzialmente dall’ agire concreto e dal buonsenso.

  13. Al portavoce dei manifestanti e ai manifestanti stessi voglio dire, da figlio di partigiano della Brigata Majella, che non provassero minimamente ad accomunarsi ai partigiani e ai loro ideali che la libertà la hanno riconquistata dopo averla persa per tutti noi e non con chiacchiere sterili ma con coraggio con la propria vita. Libertà che consente oggi ad ognuno di noi di manifestare e dire la propria. Ho Rispetto per la forma di pensiero altrui ma ad un punto della vita anche un sano pensiero può, al variare delle circostanze, diventare pericoloso per la vita di altri. La storia insegna.

  14. Luigi puglielli | 9 Gennaio 2022 at 10:36 | Rispondi

    Bisogna mettere l’obbligo per il vaccino perché con la democrazia escono gruppi che contestano anche l’aria che respiriamo

  15. Ma quelli che sputano sentenze e offendono, millantando di essere democratici che problemi hanno? Questo governuccio si dall’inizio avrebbe potuto evitare tutte queste pippe semplicemente rendendolo obbligatorio e non scaricando le responsabilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*