Non c’è la quadra sul direttore, il Parco Majella sceglie la via del Tar contro il ministero

Il tira e molla è di quelli bizzarri. Si tratta di quanto sta accadendo tra l’Ente Parco Nazionale della Majella e il ministero dell’Ambiente circa la nomina del nuovo direttore. Il primo è pronto a portare il secondo davanti al Tar. E’ quanto, infatti, deciso dal Consiglio direttivo ad inizio aprile.

Una faccenda che va avanti da tempo ormai. Anni passati tra tempi morti, carte e rimpalli senza trovare una quadra. Tutto nasce dall’esigenza di individuare un direttore che sostituisse Oremo Di Nino, “prestato” all’ente dal Parco regionale Sirente Velino per un periodo limitato che poi è andato oltre, fino al pensionamento dello scorso anno.

Nel 2012, comunque, qualcosa era stato fatto. Erano state avviate le procedure per la selezione di una nuova figura regolarmente svoltasi e che ha portato alla formazione di un elenco di papabili. Tutto è andato per le lunghe, poi, rasentando l’oblio fino a quando a dare una scossa è arrivato il Tar Abruzzo al quale, nel frattempo, si era rivolto uno dei concorrenti.

E’ così che il giudice amministrativo ha sollecitato l’Ente a proseguire esortandolo ad inviare al ministero la famosa

rosa di tre nomi  dalla quale lo stesso avrebbe poi scelto quello definito. Il Parco aveva chiesto però di avviare una nuova selezione così come aveva anche fatto, e ottenuto, un altro Parco abruzzese. Nel caso del Parco Majella, tuttavia, la richiesta è stata negata per l’esistenza di “un contenzioso che attualmente interessa la selezione medesima” rispondeva appunto il ministero.

Fatto sta che tra i nominativi successivamente inviati (Carlo Bifolco, Dario Febbo e Vitantonio Martino) non ce n’è stato uno effettivamente applicabile (chi ormai in pensione, chi dirigente altrove). Così il ministero è di nuovo intervenuto chiedendo altri tre nomi, da pescare sempre nello stesso elenco, perché  “la terna espressa dal Consiglio direttivo dell’Ente Parco non permette al Ministro di compiere una piena ed effettiva scelta tra una rosa di tre candidati validi”.

Terna da rifare, insomma. Se non fosse che il Consiglio, dopo una rivalutazione dei curriculum, ha espresso l’impossibilità di individuarla ritenendo, così, il procedimento concluso. Ed ancora, con quanto fatto, di aver adempiuto ai solleciti del Tar Abruzzo dando mandato di conseguenza all’attuale direttore facente funzione di avviare una nuova selezione per la ricerca di un direttore, anche e soprattutto in considerazione dell’aggiornamento dell’apposito albo.

Scelta non condivisa e contestualmente annullata dal ministero.   Intrapresa la via del Tar, non è difficile ipotizzare ancora tempi lunghi fermo restando che, al momento, vacante è anche la poltrona di presidente.

Simona Pace

 

1 Commento su "Non c’è la quadra sul direttore, il Parco Majella sceglie la via del Tar contro il ministero"

  1. Commissariale il Parco. Eliminare tutti gli incapaci che ci stanno e nominare persone comoetenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*