Oltre 1 miliardo per la Strada dei Parchi nel Pnrr

Un miliardo e 150 milioni di euro per la messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25, soldi che gestirà il commissario Maurizio Gentile direttamente quale soggetto individuato come stazione appaltante. E’ quanto contenuto nel Piano di resistenza e resilienza che il governo ha proposto e che dovrà passare il difficile scoglio del parlamento per l’utilizzo del Recovery Fund. 

“Oggi, a distanza di 11 anni, siamo nelle condizioni di affermare che il processo di urgenza avviato da questo governo si sta di fatto materializzando – commentano i parlamentari dei 5 Stelle, Gabriella Di Girolamo e Carmela Grippa -. La proposta di Pnrr approvata in Consiglio dei ministri il 12 gennaio, è stata trasmessa alle Camere per acquisirne modifiche e integrazioni proposte dal parlamento. Sarà dunque nostra cura dettagliare la competenza della gestione dei fondi appostati nel Pnrr che non solo renderanno l’autostrada abruzzese una infrastruttura viaria finalmente adeguata all’elevato rischio sismico che caratterizza il territorio sul quale insiste, ma vedrà proiettata la sua vita utile fino a 100 anni”.

La messa in sicurezza della Strada dei Parchi era in agenda da diversi anni e nel 2015 fu al centro di un’aspra diatriba politica e non solo con il gestore Toto, anche per la proposta che venne fatta, e poi ritirata, di modifica del tracciato che escludeva di fatto la Valle Peligna. Una messa in sicurezza indispensabile per un’arteria viaria di particolare importanza, unico vero collegamento per l’Abruzzo al momento, anche a fini di protezione civile; un’autostrada che però presenta ancora molte criticità e debolezze dal punto di vista strutturale e di sicurezza. Al sulmonese Maurizio Gentile, dopo l’impresa della gestione delle linee ferroviarie (con il progetto della velocizzazione Roma-Pescara ormai avviato), ora anche l’importante responsabilità di collegare l’Abruzzo su gomma.

Commenta per primo! "Oltre 1 miliardo per la Strada dei Parchi nel Pnrr"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*