Pochi tamponi e tanti morti

Pochi tamponi, pochi positivi, ma il numero dei morti resta alto: altri 14 oggi che si aggiungono alla lista, tra loro anche un cinquantenne, per un totale che oggi segna 2187 vittime. Insomma gli effetti del virus continuano a farsi sentire pesantemente, con un aumento anche nei ricoveri (603 ovvero 7 in più rispetto a ieri) in medicina Covid e con i posti delle terapie intensive che restano fermi a 70, ma che registrano 4 nuovi ricoveri. 

I nuovi casi accertati sono appena 47 oggi, ma molto è dovuto ai pochi tamponi processati: 1071 in tutto per un rapporto percentuale di positivi che è del 4,4% circa. Sette i contagiati in età scolare, tutti appartenenti alla provincia di Pescara, mentre i 178 guariti fanno abbassare il numero complessivo degli attualmente positivi a 10571 (ovvero 145 meno di ieri).

L’assenza di tamponi programmati fa in modo che i rivelamenti provengano perlopiù dagli ospedali e quindi da quello hub di Pescara (con 36 casi), 11 casi in provincia dell’Aquila e 8 in quella di Teramo. Zero casi a Chieti.

1 Commento su "Pochi tamponi e tanti morti"

  1. A pasquetta certi imbecilli si sono recati nelle case o campagne di amici e non di congiunti ! Se ci stanno in giro sti caxxoni a che serve il sacrificio di Noi altri ???? Zozzoni ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*