Polizia locale, la Casini: “Non siamo fuori legge”

“Non siamo fuori legge” dice la sindaca di Sulmona Annamaria Casini che respinge le accuse sulla gestione del comando di polizia locale, avanzate sia dal Pd che dal consigliere di Fratelli d’Italia, Mauro Tirabassi, ribadendo che è tutto secondo legge. “Il comandante della polizia locale svolge il suo ruolo in perfetta armonia con quanto previsto dal vigente regolamento per l’organizzazione servizio polizia municipale – scrive la Casini – che pertanto è perfettamente legittimo fino all’approvazione del regolamento attuativo della LR 42/13. D’altronde in tutta la  regione Abruzzo si contano sulla punta delle dita di una mano gli Enti che hanno proceduto alla modifica del regolamento e peraltro anche grandi centri non hanno una figura dirigenziale al comando del Corpo di polizia locale”. 

Insomma la legge impedirebbe di avere un non dirigente al comando, ma poiché la legge non è operativa perché mancano i decreti attuativi, resta in vigore la vecchia normativa (su cui, però, l’ex comandante ha reclamato e ottenuto centinaia di migliaia di euro di risarcimenti per le mansioni svolte).
La scelta di non fare un concorso per dirigente della polizia locale, sostiene la Casini, è voluta e ponderata: per dare priorità al primo settore (dove si è appena insediata la nuova dirigente) e perché nel frattempo, cioè nel 2022, si chiarisca e venga resa operativa la legge regionale in materia.
“Si continua a creare artatamente confusione nel solo intento di delegittimare l’attività del nostro Corpo di polizia locale – conclude la sindaca – e l’operato di questa amministrazione evidentemente solo per bassi interessi di bottega”.

1 Commento su "Polizia locale, la Casini: “Non siamo fuori legge”"

  1. Annamari’ Vatt a durme’ camin!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*