Rave party, altro che “protesta”

Al momento l’unico dato certo è l’effrazione del cancello di ingresso, l’occupazione della proprietà e una serie di danni rilevati nella struttura e in corso di accertamento, nonché rifiuti abbandonati nell’area. Il presunto scopo “sociale” del rave party, che si è svolto nel capannone sotto sequestro dell’Ex Saba a Raiano tra il 31 ottobre ed il 2 novembre, raccontato su alcuni organi di stampa dagli organizzatori, sembra essere stato disatteso in partenza.

A renderlo noto sono il commissario giudiziale, Marialba Cucchiella, e il liquidatore, Paolo Sambenedetto. Nessuna protesta per i rischi derivanti dall’amianto presente sul tetto, quindi, né, tantomeno, tra gli organizzatori ed i proprietari ci sarebbe stato un colloquio per chiedere tempi e modalità  di smantellamento e bonifica del materiale tossico, così come affermato dagli organizzatori.

Da quanto specificano i due avvocati, infatti, “Il tetto di copertura dell’ex stabilimento non è interamente costituito da lastre di

aeternit”, bensì  “la porzione di questo effettivamente contenente amianto è stata oggetto di bonifica e di smaltimento secondo quanto prescritto dalla legislazione speciale vigente in materia, sotto il controllo della competente A.S.L.” ed ancora “la residua porzione del tetto di copertura contenente aeternit è oggetto di periodiche verifiche c.d. di ‘manutenzione e controllo’, sempre secondo quanto stabilito dalla legge”. Lavori, nel caso specifico della Saba, sono stati disposti dal tribunale di Sulmona con notevole dispendio di energia e su parere favorevole del commissario giudiziale (organo di vigilanza della procedura di concordato) e dei creditori (a mezzo del loro organo di rappresentanza (comitato dei creditori).

Quaranta ore di musica e trecento denunce per diversi reati, questo l’esito del rave scoperto dai carabinieri solo il giorno successivo. Altro che “protesta”.

S.P.

 

Commenta per primo! "Rave party, altro che “protesta”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*