Ristoratori in piazza anche a Sulmona: “Non ci dimenticate”

Scenderanno in piazza anche a Sulmona, sabato pomeriggio (piazza Garbaldi ore 18,30) i baristi e ristoratori del territorio: una manifestazione silenziosa e non violenta, tengono a precisare, “finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica e a dare una testimonianza – spiega Clemente Maiorano – non a mettere in atto una protesta. Siamo consapevoli della necessità di fermare il contagio e noi stessi siamo molto combattuti sul come affrontare l’emergenza. Ci auguriamo che i ristori economici promessi dal governo arrivino rapidamente”. La stagione estiva è andata molto bene, spiegano i ristoratori, altrimenti sarebbe stato davvero problematico affrontare un altro periodo di chiusura.

“Con molta amarezza e delusione ancora oggi ci è difficile accettare e capire perché il comparto della somministrazione debba essere così penalizzato – aggiunge Giuseppe Bono -. Abbiamo ottemperato a tutti i protocolli richiesti, messo in sicurezza i nostri locali, formato il nostro personale, rispettato le regole anti-contagio e ora proprio quando ci sembrava di poter ricominciare a respirare, arriva questa nuova chiusura temporanea, ma che per molte attività potrebbe essere anche definitiva. Gli aiuti economici finora ricevuti sono stati una boccata d’ossigeno e anche i prossimi già previsti da ultimo Dpcm saranno di aiuto nell’immediato ma certamente non risolutivi nel lungo periodo”.

(ph. Paolo Giovanni D’Amato)

Gli operatori, a cui si associa il Comitato oltre la saracinesca, scenderanno in piazza con un lumino: una sorta di preghiera per non essere dimenticati non solo dal governo, ma anche dalla collettività e dai clienti. Una campagna a sostegno del settore è già partita sui social nella quale si invita ad ordinare cibo da asporto nelle attività della città e l’intenzione è quella di coinvolgere nella manifestazione non solo i ristoratori e baristi, ma anche gli altri settori del commercio “che sono comunque penalizzati da questo lockdown soft” fanno notare gli esercenti.

“Chiediamo con forza di rivedere gli orari di chiusura e facciamo un forte appello a tutte le istituzioni affinché pongano in essere provvedimenti e strategie importanti per il Paese – conclude Bono – e che sostengano in maniera forte, decisa e rapida le donne gli uomini e le loro aziende in questo momento di difficoltà”.

Commenta per primo! "Ristoratori in piazza anche a Sulmona: “Non ci dimenticate”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*