Rom e antidiscriminazione, Giulia Di Rocco riparte da Sulmona

Si terrà domenica 5 settembre, a partire dalle 10:00, davanti al fontanone della centralissima piazza Garibaldi di Sulmona il convegno “Rom e antidiscriminazione”, a cura dalla presidente dell’associazione “Amici di Zefferino”, in collaborazione con l’associazione Rom in Progress, Network Romanì Italy e con il Partito Nazionale Rom e Sinti Mistipè.

Tra i relatori ci sarà Giulia Di Rocco (originaria di Pratola Peligna), presidente del partito Mistipè e dell’associazione Amici di Zefferino, Concetta Sarachella, stilista rom di Isernia, Virginia Morello, rappresentate sindacale di Martinsicuro. Prenderà parte al convengo anche Rocco Buccino, in arte Rocco Gitano, artista Rom.

Giulia Di Rocco è assistente legale, attivista per i diritti umani membro del Forum RSC istituito dall’Unar – Ufficio Antidiscriminazione razziale presso il Ministero delle Pari Opportunità, membro dell’IRU- International Roma Union che rappresenta i rom e sinti presso il Consiglio D’Europa e all’ONU e nominata Commissario per la politica e la democrazia per l’Italia, Membro della Piattaforma per i diritti dei Gitani in Spagna.

“Ho deciso di ripartire da Sulmona dopo lo stop forzato dovuto dal Covid – ci spiega Giulia – Sarei voluta venire lo scorso 16 maggio, una giornata importante per il mondo Rom poiché è la data in cui si celebra la nostra ribellione al nazifascismo. Purtroppo la pandemia ci ha bloccati, altrimenti avremmo parlato del contributo dei rom ai partigiani abruzzesi. Convegni come questi servono, poiché lo Stato fa poco per integrare i rom nelle istituzioni. Non è un problema sociale, né tantomeno culturale, bensì politico altrimenti non staremo qui a parlare di discriminazione. Fino a 20/30 anni fa la nostra era una cultura ermetica, poco aperta. Ora però siamo nel 2021, ci sono professori e scrittori rom che divulgano i nostri costumi e usanze con una corretta informazione. Io stessa mi sento integrata, poiché tengo convegni e collaboro da anni con il ministero delle Pari Opportunità. Ecco perché ho deciso di creare un partito che riunisca tutti i rom d’Italia, i quali sono l’etnia più popola della nazione. A livello politico c’è ancora tanto da fare se pensiamo che in Spagna ci sono quattro partiti e altrettanti membri all’interno del Governo. Qui è vero che abbiamo avuto alcuni consiglieri comunali, ma è ancora troppo poco. L’Europa stessa chiede all’Italia di accelerare sull’integrazione”.

4 Commenti su "Rom e antidiscriminazione, Giulia Di Rocco riparte da Sulmona"

  1. La vera discriminazione e’ tra i ricchi e poveri ! Tutto il resto è noia !

  2. Adesso posso dormire tranquillo | 27 Agosto 2021 at 21:24 | Rispondi

    .

  3. Fate un convegno su usura e riciclaggio e ripartiamo da qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*