Roma-Pescara in 90 minuti, Mo.Ve.Te rilancia la velocizzazione

Rilanciare il collegamento ferroviario veloce tra Pescara e Roma è l’obiettivo del Comitato MO.VE.TE. che, giorni fa ad Avezzano, ha presentato il piano di pre-fattibilità, prevedendo anche il coinvolgimento dell’Aquila.

Secondo questo documento basterebbero 90 minuti per andare da Roma a Pescara con 5 fermate intermedie (Bagni di Tivoli – Carsoli – Avezzano – Sulmona – Chieti). E in particolare per Roma – Avezzano occorrerebbero 50 minuti, Roma – Sulmona 70 minuti,  Avezzano –  Sulmona 20 minuti, Sulmona – Chieti – Pescara 20 minuti. In questo contesto Sulmona andrebbe ad assumere il ruolo di snodo verso L’Aquila (Roma – Sulmona – L’Aquila 100 minuti).

All’incontro è intervenuto il senatore ed ex presidente della Regione Luciano D’Alfonso che ha ricordato i fondi stanziati dalla precedente  Giunta Regionale (1 miliardo e 566 milioni di euro che si trova nel contratto di programma RFI-MIT per ferroviarizzare la Pescara-Roma, 111 milioni di euro più 10 milioni di euro per la Pescara-Chieti,  75 milioni di euro per la Sulmona – L’Aquila – Rieti e 104 milioni di euro per il rinnovo del materiale rotabile).

Il prossimo 17 febbraio, in occasione della visita ad Avezzano del ministro delle Infrastrutture e Trasporti De Micheli, il segretario regionale del PD, Michele Fina, ha dato la disponibilità a promuovere un incontro con il comitato. Presenti anche il consigliere regioniale Cinque Stelle, Giorgio Fedele, ed i senatori, Primo Di Nicola e Gabriella Di Girolamo.

“E’ sembrato – sottolinea Aurelio Cambise – invece che non fossero presenti al Convegno altri importanti rappresentanti istituzionali della maggioranza del Governo Regionale. Certamente avrebbe fatto piacere la presenza del Presidente della Regione Abruzzo, Dott. Marco Marsilio, il quale avrebbe potuto rinnovare la  promessa fatta  prima delle ultime elezioni regionali in Abruzzo sulla priorità da dare alla risoluzione  del problema del trasporto ferroviario in Abruzzo, con particolare riguardo alla tratta Roma – Pescara”.

Cambise prosegue aggiungendo: “Io insisto che, in prospettiva, oltre ai lavori citati al Convegno, si possa fare una lunga galleria tra Carrito,  Ortona dei Marsi, Bugnara e Sulmona, che risolverebbe di molto il problema. Il doppio binario, già iniziato Guidonia – Bagni di Tivoli –  Lunghezza e quello da realizzare Pescara – Chieti  potranno farci sperare nella risoluzione del problema. Intanto sarebbe bello poter vedere sfrecciare almeno un ETR 324, noto come Jazz, ed un ETR 103/ETR 104, noto come Pop, sulla tratta ferroviaria Pescara – Roma. Non si sta chiedendo la luna”.

1 Commento su "Roma-Pescara in 90 minuti, Mo.Ve.Te rilancia la velocizzazione"

  1. Ferroviere in 1 87 | 13 Febbraio 2020 at 2:25 pm | Rispondi

    Fermata a Bagni di Tivoli? A parte che nella riqualificazione verrà chiamata Tivoli Terme… La fermata è Tivoli.. lunga galleria tra Carrito, Ortona dei Marsi, Bugnara e Sulmona… ipotizzare un restyling del Gran Ponte d’Italia con curva a sx anziché a destra come è ora e da qui far partire una variante di tracciato. Ora come ora, il RV non ferma neanche più a Goriano Sicoli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*