San Raffaele, contagiati in isolamento. Sospesi ricoveri e visite

Ventitre pazienti e tre operatori. La conferma dei positivi arriva direttamente dalla gestione del San Raffaele, contagiati che saranno trasferiti negli ospedali idonei. Nel frattempo per i 23 pazienti è iniziato un percorso di osservazione in aree di isolamento, in singole stanze, due reparti adiacenti al primo piano con accesso e percorsi dedicati per il personale, per il vitto e per la biancheria ed è stato attivato un data base elettronico per la distribuzione dei pazienti nelle stanze.

Non si accettano ricoveri né si svolgeranno visite ambulatoriale al San Raffaele di Sulmona, sottoposto alla fase di sanificazione straordinaria per nebulizzazione. A pazienti e operatori sanitari sono stati messi a disposizione Dpi. In particolare, per il personale, sono stati predisposti igienizzanti, luoghi per la vestizione e svestizione degli operatori sanitari nell’area di isolamento, sotto controllo in termine di temperatura a inizio e fine turno. Per la gestione dei pazienti all’interno dei reparti di degenza che non hanno generato casi di positività è attiva una sorveglianza che prevede a 7 giorni l’esecuzione di tamponi naso faringeo.

Per il personale che presenta febbre e sintomi legati al Covid è imposta la comunicazione e il fermo a casa, qualora fossero trovati positivi, per loro il reintegro a lavoro avverrà a guarigione e con due tamponi negativi. E’ stato istituito un registro elettronico di tutti gli operatori su cui vengono registrate le rilevazioni della temperatura corporea e sintomatologia nei tempi sopra descritti.

9 Commenti su "San Raffaele, contagiati in isolamento. Sospesi ricoveri e visite"

  1. sempre a danno fatto ! qiesta e’ l Italia ! atto
    che Sanità di eccellenza

  2. WARNING – il commento è stato rimosso perchè offensivo e incita alla violenza

  3. Febbre in cartella | 3 Aprile 2020 at 8:52 pm | Rispondi

    La magistratura deve acquisire la cartella clinica della paziente di Bergamo, ne scopriremo delle belle.

  4. Pure il mitico pulcinella avrebbe preso le dovute precauzioni x una paziente che arrivava da Bergamo…pulcinella non era laureato.

  5. Adesso non si accettano ricoveri? Il 10 marzo invece potevano ricoverare una da Bergamo per una semplice fisioterapia….non ho usato brutte parole ma adesso dico col cuore che i dirigenti del san Raffaele sono dei figli di …..non hanno rispettato un protocollo,hanno violato un’infinità di norme…devono pagare …non possono rimanere impuniti….e quella nana di una sindaca che prima propone l’ospedale covid free e poi continua a fare cazzate…ormai ci hai messi in ginocchio economicamente e per la sicurezza sanitaria…smettila…l’unica cosa che puoi fare per la tua città e andartene a ……dai le dimissioni e sparisci dalla nostra vista…chiedo scusa a tutti i lettori per le frasi colorite ma sono arrivato….

  6. Francesco Desiderio | 3 Aprile 2020 at 11:14 pm | Rispondi

    La gestione di Felzani si conferma disastrosa, ma non è una novità.

  7. bene,questa clinica dal giorno dell’apertura ha generato solo problemi,criticita’,meglio disavventure,incluse le ragioni “dell’impresa”,convenzioni,finanziamenti europei,
    nazionali,regionali,con nessun rischio per i soliti prenditori privati,tutto garantito dai compari di merenda di tonino l’abruzzese,si la famiglia angelucci,quella degli scandali,
    inchieste,arresti,processi,tantissimi i reati,truffe rimborso posti letto,corruzione,
    mazzette,evasione fiscale,associazione a delinquere,ecc, tutto sulle cronache,gente
    senza scrupoli,che pensa solo al denaro,naturalmente le societa’ hanno sede estera,
    quindi nulla di nuovo…non hanno timore di violare le Leggi,figuriamoci i protocolli,regole,
    norme,sicurezza pubblica,ecc,ecc
    hanno ricoverato in segreto un paziente infetto per qualche ragione sicuramente economica o per i futuri ritorni…molto interessante sapere il nome della “famiglia” del paziente partito in violazione delle Leggi,o no?

  8. Dispiace per la struttura, ma purtroppo la direzione attuale si dimostra inadeguata e disastrosa già da troppi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*