Sedici mesi di reclusione, condannato il giovane fabbro

Il giudice del tribunale di Sulmona Daniele Sodani ha processato questa mattina, con rito direttissimo, Franco Ciavattone, l’artigiano trentenne arrestato perché in possesso di sostanze stupefacenti.

Difeso dall’avvocato Vladimiro Maraschio, il ragazzo ha scelto il rito abbreviato e il giudice gli ha comminato un pena di sedici mesi di reclusione e di 3mila euro di multa riconoscendo, quindi, l’uso delle sostanze per piccolo spaccio contrariamente a quanto avrebbe voluto il Pm che aveva chiesto una condanna maggiore.

Ciavattone era stato fermato con quattro dosi di cocaina mentre, nell’opificio di fabbro in cui lavora con il padre, i carabinieri hanno scovato dodici grammi di cocaina e cinquantacinque grammi di hashish.

Lo scorso 15 novembre il giovane aveva chiesto ed ottenuto i domiciliari.

Commenta per primo! "Sedici mesi di reclusione, condannato il giovane fabbro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*