“Solo” due morti e 27 contagi. La Verì: “Smaltiti tamponi arretrati”

Sono 27 i nuovi casi di contagio in Abruzzo nelle ultime 24 ore, pari al 2,2% del totale dei tamponi processati (1234), in leggero aumento rispetto alle percentuali, pur basse, degli ultimi due giorni (1 e 1,6%). Scendono a 24 (-2) i ricoverati in terapia intensiva e sale di 1 unità quello dei ricoverati in terapia non intensiva (324).
Due, in netto calo, i deceduti oggi: un 65enne di Crecchio e una 90enne di Pescara, per un totale di decessi dall’inizio dell’epidemia pari a 295.
I 27 casi di oggi fanno riferimento in particolare alla Asl di Lanciano-Vasto-Chieti (19) e a quelle di Pescara (7) e Teramo (1), mentre ancora una volta la Asl di Avezzano-Sulmona-L’Aquila registra zero casi (anche se c’è un paziente in più in Valle Peligna “migrato” da altra Asl).
Rispetto a ieri sono risultate guarite altre 18 persone, per un totale di 496, gran parte delle quali (315) hanno negativizzato completamente.
Dati che cominciano a stabilizzarsi, anche e soprattutto con il progressivo smaltimento dei tamponi rimasti senza risposta. “Voglio ribadire ancora una volta che in Abruzzo tutti i tamponi eseguiti su pazienti in condizioni cliniche serie sono stati processati in tempi rapidissimi – commenta l’assessore regionale Nicoletta Verì -. Ci sono stati invece ritardi, soprattutto in provincia di Chieti, legati a un’errata applicazione del codice di priorità su alcuni campioni inviati ai laboratori, che si sono visti recapitare centinaia di test con codice rosso che invece, secondo le linee guida nazionali, potevano essere processati non subito. Questo ha portato a un ingolfamento dei laboratori e ad attese più lunghe anche per gli altri tamponi già in partenza correttamente identificati come non urgenti, che sono quindi finiti inevitabilmente in coda. Oggi, però, possiamo dire che il momento di difficoltà è stato superato e che l’arretrato è praticamente stato interamente smaltito”.
Per i primi di maggio, comunque, dovrebbe essere operativa la macchina acquistata dalla Regione per processare 2400 tamponi al giorno, macchinario che permetterà di dare risposte più celeri che sono fondamentali nella seconda fase per eventualmente isolare nuovi focolai. Anche se la stessa Verì spiega che non sarà possibile sottoporre tutti ai test.

Commenta per primo! "“Solo” due morti e 27 contagi. La Verì: “Smaltiti tamponi arretrati”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*