“Strade green”, l’idea per il centro storico di Confesercenti

La Confesercenti Centro Abruzzo propone all’Amministrazione della Città di Sulmona e ai commercianti l’idea delle “Strade Green”, ovvero l’individuazione di zone del Centro storico per l’eliminazione totale del traffico veicolare in fasce orarie precise della giornata, indicativamente dalle 18 alle 24 per i prossimi 4 mesi.

Secondo la Confesercenti Centro Abruzzo infatti, è necessaria un’azione “forte e coraggiosa” per reagire con le giuste proporzioni all’enorme problema umano e economico causato dal Covid, al fine di dare la giusta forza e i giusti strumenti ai tanti commercianti che ora vivono con la paura di non farcela. A questo scopo Confesercenti offre una proposta forte che va a incidere soprattutto sul “distanziamento sociale” che potrebbe diventare un vero ed insormontabile problema per la ripresa delle attività commerciali oltre che della vita quotidiana.

Con questi spazi “verdi” e liberi dalle auto, per Confesercenti si darebbe la possibilità non solo di somministrazione ai bar e ristoranti, già valorizzata dall’amministrazione comunale con l’ampliamento dehors in atto, ma anche di proporre idee artistiche, culturali, musicali da tutti i locali di somministrazione e attività commerciali “non food” su strade e piazze pubbliche con tutte le regole del caso e con i decibel inferiori ai 70 affinché la Città diventi un vero “salotto” ove sia gli avventori che i residenti possano godere appieno della bellezza che scaturisce dalla vitalità dell’offerta complessiva.

Concludono Pietro Leonarduzzi e Angelo Pellegrino di Confesercenti: “In concreto si chiede di poter occupare con tavoli, sedie e divanetti di Ristoranti, Bar, Enoteche, Pub uno spazio ampliato all’esterno e, nel caso di locali che non dispongono di spazi adatti nelle immediate adiacenze, la proposta è quella di poter utilizzare spazi vicini (strade, piazzette o slarghi) che si trovino a non oltre 100 metri di distanza dall’attività. Quindi, proponiamo non soltanto la possibilità di sedersi ai tavoli dei locali ma anche sostare, con le giuste distanze, in sedute ulteriori negli spazi pubblici riappropriandosi degli spazi della Città e con la socializzazione della cittadinanza nelle giuste distanze che strade e piazze permettono. Si tratta di un progetto per riprendersi la Città con un’idea di largo respiro dopo questo periodo tristemente chiuso che possa stimolare una visione futura dove il cuore di Sulmona possa diventare ancor più il salotto prezioso storico, culturale e commerciale, della Città”.

4 Commenti su "“Strade green”, l’idea per il centro storico di Confesercenti"

  1. Paolo Giovanni D'Amato | 25 Maggio 2020 at 16:12 | Rispondi

    Idea giusta… io farei anche di più, individuando ulteriori aree (penso a slarghi e piazzette che per ora fungono solo da parcheggio selvaggio) da riconvertire ad aiuole e aree verdi, con panchine, fontanelle e zone relax per adulti e bambini. Un esempio: vico Lauro, che potrebbe diventare simile a largo Mazara. E come quello spazio ce ne sono tanti altri nel centro storico. Allora si che tutto il centro diventerebbe un salotto, rivitalizzando anche l’inesistente valore immobiliare delle aree interessate, con beneficio per tutti.

  2. Ma perchè tutti questi termini in inglese per denominare una qualsiasi iniziativa o qualunque altra cosa da fare? Fa tanto schifo scriverlo e dirlo in Italiano?

  3. Ma dalle 24 alle 18 poi Che facciamo l”autostrada? E quindi a Sulmona non si pranza e non si fa neppure colazione, ma che dite…… Green incredibile…. Cioè utilizzate un termine inglese per impapocchiare la gente, perché non avete il coraggio di dire che volete il centro aperto alle auto…. Avete girato la pizza… Poveri noi….

    • 👍🏻👍🏻👍🏻
      Gli ecologisti impapocchiatori.
      Hanno beffardamente abusato del termine per un fine ben diverso.
      Di “green” nell’articolo ci sono le tasche dei clienti da svuotare, ma giustamente solo dalle 18 alle 24.
      👍🏻👍🏻👍🏻

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*