Suona la campanella: studenti in aula il 13 settembre

Le porte degli istituti scolastici abruzzesi riapriranno lunedì 13 settembre, e lo faranno in sicurezza come ribadito dall’assessore regionale alla salute Nicoletta Verì. La questione sul ritorno in aula è stata affrontata ieri in un tavolo tecnico convocato dal direttore dell’ufficio scolastico regionale, Antonella Tozza, al quale hanno preso parte, oltre ai sindacati, anche l’assessore regionale all’istruzione Pietro Quaresimale, il referente regionale per le vaccinazioni, Maurizio Brucchi, e il dirigente del servizio regionale Prevenzione Franco Caracciolo.

La data del 13 settembre per il rientro in classe, già concordata lo scorso luglio, è sta confermata nonostante i sindacati spingessero per posticipare l’apertura degli istituti. Ci sono scuole che apriranno i battenti ancor prima del previsto. A Sulmona, per esempio, gli alunni dell’indirizzo sperimentale quadriennale del Liceo “Fermi” riprenderanno le lezioni lunedì 6 settembre. Saranno 4.000 gli studenti che prenderanno parte al progetto di sorveglianza sanitaria promosso dall’Istituto Superiore di Sanità che prevede l’utilizzo di tamponi salivari molecolari.

In vista della riapertura, la Regione ha finanziato con un milione di euro l’acquisto di termoscanner per gli istituti scolastici: in caso di focolai nelle scuole, è prevista l’attivazione di nuclei mobili delle Asl per l’effettuazione di tamponi. Nell’incontro si è parlato di possibili ingressi scaglionati, che dovranno essere concordati tra gli istituti e gli enti locali di riferimento. Si procederà, in ogni caso, a potenziare i servizi di trasporto pubblico. I protocolli di sicurezza, i controlli green pass e gli altri aspetti di sanità pubblica saranno regolamentati secondo le disposizioni nazionali, a cui la Regione non può derogare.

Commenta per primo! "Suona la campanella: studenti in aula il 13 settembre"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*