Tasse sparite: il Comune pignora lo stipendio alla sua ex dipendente

Per riprendersi una minima parte, ovvero il 5%, dei soldi non incassati, il Comune di Sulmona ha dovuto ricorrere al pignoramento dello stipendio della sua ex vice responsabile del settore finanziario. A quattordici anni da quell’ammanco di cassa da mezzo milione di euro, infatti, l’altro giorno la dirigente Filomena Sorrentino ha dato seguito al pignoramento del quinto dello stipendio di Anna Presutto, condannata per colpa grave dalla Corte dei Conti per l’omesso controllo sui tributi che la società Gestor avrebbe dovuto riversare alle casse comunali nel 2006. Soldi dei contribuenti, insomma, spariti nel nulla e per recuperare i quali la Presutto, al tempo responsabile del settore tributi, non attivò neanche la polizza fideiussoria che era stata come da legge stipulata a garanzia del servizio.


Ne nacque un contenzioso penale e amministrativo, conclusosi il primo con l’assoluzione della Presutto, il secondo con la sua condanna in primo grado ad un risarcimento di 200mila euro al Comune di Sulmona. Sentenza poi riformata in sede di Appello che condannò nel 2015 la ex dipendete comunale di Sulmona al pagamento di 25mila euro di danni. Anche contro quest’ultima sentenza, però, la Presutto presentò ricorso, sostenendo che lei non aveva alcuna responsabilità del controllo e che la condanna si basava su un’erronea percezione della realtà processuale. Poi lo scorso anno il rigetto della richiesta di revocazione e la definitiva condanna della funzionaria, nel frattempo trasferitasi al Comune di Pescara e da qui, in comando, a quello di Manoppello dove ricopre una posizione organizzativa.
La Presutto che sosteneva che la cifra sarebbe stata coperta dall’assicurazione, aveva poi, al diniego di questa, chiesto una rateizzazione della somma, che la Procura della Corte dei Conti ha ritenuto essere immotivata. Di qui l’intimazione al Comune a recuperare le somme e, l’altro giorno, la decisione della dirigente Sorrentino di pignorare (per un quinto come previsto dalla legge) lo stipendio all’ex dipendente.

3 Commenti su "Tasse sparite: il Comune pignora lo stipendio alla sua ex dipendente"

  1. Vivi complimenti agli attori di questa vicenda

  2. quindi in quanti anni verranno recuperate queste somme?un quinto dello stipendio, 25000 euro da recuperare, quanto fa? 6 anni?

  3. Pantalone io mi preoccuperei di più in quanti migliaia di anni la Lega Nord restituirà i 50 milioni di euro rubati alla popolazione italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*