Trasferimento ospedale, la Uil chiede un “modello virtuoso di sanità”

Arriva dalla Uil Fpl il plauso per l’avvio delle procedure di trasferimento dell’Annunziata nel nuovo plesso ospedaliero. “La messa in funzione della nuova struttura ospedaliera – dichiara per il sindacato Marcello Ferretti -, unica antisismica e dotata di tutti in confort della Regione Abruzzo, può rappresentare un momento di rinascita e l’avvio di un nuovo corso per la Sanità del Centro Abruzzo. Ora è importante che la politica, gli operatori e tutte le forze del territorio, facciano sistema per definire un modello virtuoso di sanità”.

Una struttura da 20milioni di euro possibile grazie ad un raggruppamento di imprese che occupa 10mila metri quadrati di superficie, 160 posti letto di cui 126 nella nuova struttura. Ecco i numeri.

L’organizzazione dei reparti vede al piano interrato la mensa ospedaliera con i depositi; al piano terra la farmacia ospedaliera, il Pronto Soccorso e la Radiologia; al primo piano la Cardiologia/ Utic , Urologia, Oculistica, ORL e Day Surgery; al secondo piano la Chirurgia Generale e la Medicina Generale; al terzo piano la Lungo Degenza ed Ortopedia.

“Evidenziamo che nonostante le numerose difficoltà che si sono avute in questi anni, a causa della carenza di personale medico e del comparto, le equipe operanti nel nosocomio hanno lavorato con professionalità, raggiungendo importanti risultanti in termini di qualità e quantità dei servizi erogati – aggiunge Ferretti -. Spesso siamo intervenuti denunciando criticità e disservizi, ma oggi, vogliamo evidenziare che l’Ospedale dell’Annunziata è una struttura sicura e di qualità soprattutto dal punto di vista delle cure erogate”.

I prossimi passi da fare secondo il sindacato sono la nomina dei direttori delle unità operative di medicina, Chirurgia ed Ortopedia attraverso l’avvio delle procedure concorsuali; accelerare il piano assunzionale per colmare le carenze di personale medico e del comparto”.

Alla Regione va l’invito nel dare seguito a quanto auspicato.

Commenta per primo! "Trasferimento ospedale, la Uil chiede un “modello virtuoso di sanità”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*