Tua abbandona la Valle Peligna: a Roma solo con vettori privati

Più che il treno, Sulmona perde l’autobus. Ancora una volta. E anche il servizio pubblico, nei fatti, visto che Tua (la società partecipata della Regione) abbandona nei fatti la Valle Peligna. La riorganizzazione degli orari del trasporto su gomma dalla città di Ovidio alla Capitale, infatti, segna una decisa, e probabilmente definitiva, rotta a favore di Avezzano che, nei fatti, diventa l’hub dell’Abruzzo interno verso e da Roma.

Nel nuovo orario che partirà da lunedì prossimo, in realtà, ci sono “due” corse aggiuntive sulle tratte Sulmona-Roma e ritorno, ma viene confermata l’assenza di collegamenti nel fine settimana, non proprio l’ideale per favorire il turismo e il semi-pendolarismo (ovvero quello del fine settimana).

L’altra novità è poi quella che vede su questa linea l’ingresso di un privato a gestire le corse al posto di Tua (e solo per Sulmona): tutte le corse da Sulmona a Roma e da Roma a Sulmona saranno infatti gestite in Ati con la laziale Sit (società italiana trasporti), con la società pubblica abruzzese che di fatto abdica a favore del privato.

I numeri della riorganizzazione, dopo la drastica riduzione del servizio a causa del Covid, non lasciano grandi margini di interpretazione: Sulmona passa da due a tre (quattro calcolando il festivo scolastico) corse giornaliere (andata e ritorno, prima del Covid ne aveva sei), mentre Avezzano da due passa a undici (in andata) e dieci (in ritorno) corse, compresi i festivi scolastici, i sabati e le domeniche.

I nuovi orari Sulmona-Roma vedono confermata la partenza delle ore 5 con arrivo a Tiburtina alle ore 7,10 dal lunedì al venerdì. La corsa delle 7,10 viene sostituita da una corsa alle ore 6 (arrivo 8,15) sempre dal lunedì al venerdì. Si aggiungono una corsa dal lunedì al venerdì alle 11,30 (arrivo 13,45) e una, solo nei festivi scolastici, alle ore 15 (arrivo 17,20). Da Roma per Sulmona, invece, si aggiungono “due” corse mattutine: alle ore 8 nei festivi scolastici (con arrivo a Sulmona alle 10,20) e alle 8,15 dal lunedì al venerdì (con arrivo alle 10,35). Le corse del pomeriggio, dal lunedì al venerdì, vengono spostate di poco: alle 15,30 (anziché alle 15) con arrivo alle 17,50 a Sulmona e alle 18,05 (anziché alle 17,50) con arrivo alle 20,05.

Nessuna concessione neanche sulle fermate: a Pratola è confermata (a distanza di 20 minuti da Sulmona, sia in andata che al ritorno) la sola fermata del casello autostradale, lasciando di fatto cassata la sosta a Pie’ de la Forma che era stata tolta a gennaio e su cui vane sono state le promesse di ripristino. Così come restano fuori dalle coincidenze i collegamenti con la Valle del Sagittario e la Valle Subequana.

Le corse di domenica tornano attive poi solo da e verso Avezzano, dove d’altronde resta operativo il servizio pubblico di Tua: alle 17,30 (Avezzano-Roma) e alle 19,30 (Roma-Avezzano). E d’altronde, Sulmona è l’unica città d’Abruzzo a non avere un’autostazione e neanche uno sportello di biglietteria di Tua.

“Meglio trasferirsi a Roma o ad Avezzano o, come io stesso sto pensando di fare, nel teramano – protesta un pendolare – hanno lasciato fuori tutti i turnisti, forze di polizia, operai, infermieri, turisti, una marea di gente che deve arrangiarsi coi mezzi propri oppure viaggiare da Avezzano”.

18 Commenti su "Tua abbandona la Valle Peligna: a Roma solo con vettori privati"

  1. Sulmona sta esalando l’ultimo respiro. I miei figli sono già andati e appena saremo in pensione andremo via anche io e mio marito. Non c’è più ragione di restare.
    Che amarezza!

  2. Sulmona mena e basta…è troppo bella. C putet taja tutt ma nu rstemm qua… jetvm vu, baccala’

  3. Si prospetta Sulmona città turistica,ma di che parliamo. Sulmona è abbandonata per tutti i servizi. Le famiglie vanno via insieme con i figli, e quello che faremo una volta in pensione!!

  4. SalviamoSulmona | 13 Settembre 2022 at 08:16 | Rispondi

    Sulmona è la più bella città d’Abruzzo ed una tra le più belle d’Italia mi dicevano alcuni amici spagnoli da me ospitati qui in città in una tappa del loro tour italiano; di questo noi di Sulmona siamo consapevoli, ma sappiamo anche che non è più sufficiente per salvarla da un destino che sembra irreversibile. “La rassegnazione alla decadenza non è un destino, è una scelta”. Da queste parole di un noto politico italiano sembra trarre ispirazione la insipiente quanto pericolosa classe politica locale che vivendo alla giornata, rassegnata, senza più una visione strategica per la città ha scelto di non combattere più. Bisognerebbe che la popolazione non solo di Sulmona ma di tutta la valle peligna recuperasse l’antico spirito patriottico e combattivo di jamm mo’ per tentare di recuperare il tempo perso con azioni democratiche ma risolute a difesa del territorio. Non c’è più tempo da perdere.

  5. Voi che consigliate di andare via, non siete certo un esempio da seguire. Siete lo stereotipo del perdente, del rassegnato. Proviamo a combattere insieme piuttosto, scendiamo in piazza, portiamo la classe politica locale a Montecitorio a difendere gli interessi di un territorio dimenticato.

  6. Autonomia amministrativa per Sulmona e per il suo circondario.

  7. Se a Sulmona ci fosse una classe politica …

  8. Vivere no sopravvivere | 13 Settembre 2022 at 09:56 | Rispondi

    In pensione me ne vado da Sulmona ? Per andare a morire in una una pseudo rsa ? Ma per piacere combatti altro che stupidaggini…

  9. Sindacoooooooooooooooooooooooooooooooooo!!Svegliatiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!

  10. Fuggite, fuggite pure figli indegni di questa straordinaria città.

  11. Si resta e si lotta con senso civico e partecipazione democratica. Il presidente di Tua è stato sindaco di Avezzano.

  12. Scusate, ma parlate solo per dare aria alla vocca.
    Avete visto il planning?
    Hanno aggiunto delle corse…magari ne aggiungono anche altre

  13. Pare che il Presidente TUA Gabriele De Angelis sia stato invitato presso la Commissione Trasporti Regionale per una audizione. Solo allora, presumibilmente, avremo chiaro il quadro della situazione, altro che planning..

  14. Invece di aprire bocca ora ricordatevene quando andrete a votare. A Sulmona Marsilio ha preso 5920 voti su 12015; evidentemente è il suo modo di manifestare gratitudine.
    Pensate un po’ a cosa potranno combinare i suoi sodali dal 25 settembre…

  15. E Di Piero che dice? Chiedo per un amico!

  16. Di Piero chi???

  17. ..già, l’invisibile Di Piero. Ma è ancora in carica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*