Tua e Regione snobbano Sulmona: ignorate le richieste dell’assessore D’Andrea

Che i ponti con la Valle Peligna siano tagliati da parte di Tua e della Regione Abruzzo non lo dimostrano solamente le poche corse, ridotte ormai al lumicino, che collegano il comprensorio con il resto d’Abruzzo (e non solo). Anche gli appelli da parte delle istituzioni locali, lasciati lì, all’angolo inascoltati, sono simbolo di una parte della regione destinata, a quanto pare, all’isolamento. Con buona pace di pendolari e turisti.

Un’altra prova, se mai dovesse servire ciò, sono le proposte dell’assessore ai trasporti sulmonese, Attilio D’Andrea, bellamente ignorate sia da Umberto D’Annuntiis, sottosegretario alla presidenza della giunta regionale con delega a trasporti pubblici e mobilità, sia dalla TUA, azienda di trasporti abruzzese.

“Finora le mie lettere in posta elettronica inviate all’assessore regionale ai trasporti e alla Tua non hanno avuto mai risposta”, spiega D’Andrea che oggi presenterà ai dirigenti dell’azienda regionale il ripristino delle corse bus tra Sulmona e Roma con gli stessi orari precedenti il lockdown e l’emergenza Covid.

“La richiesta nasce sulla base degli incontri tenuti più volte, di recente, con i pendolari, rinnoverò quindi la proposta di un sistema navetta tra Sulmona e Avezzano, per favorire le corse tra il capoluogo peligno e la capitale – precisa D’Andrea -. La proposta è articolata ed è quella di creare un servizio navetta che collega Sulmona ad Avezzano e ad Avezzano i pendolari troveranno bus per proseguire il viaggio fino a Roma. E così pure, viceversa, per il viaggio di ritorno da Roma a Sulmona”.

“Il punto è questo – conclude l’assessore sulmonese -, che la tratta Pescara-Roma è una tratta commerciale, per una precisa scelta politica, questo significa che questa tratta non è supportata da finanziamenti pubblici, regionali e statali. Invece la tratta Sulmona-Avezzano, essendo parte del trasporto pubblico locale, è finanziata da Regione e Stato. Da qui la proposta”.

Oggi, con gli orari vigenti, Sulmona e Valle Peligna sono isolati soprattutto nel fine settimana, ecco perché ho sentito l’urgenza di incontrare i dirigenti dell’azienda regionale Tua.

“La TUA cancella di fatto Sulmona e il comprensorio peligno dal suo perimetro di attività perpretando l’ennesima spoliazione ai danni della nostra comunità – incalza Massimo Carugno, candidato al Senato con il PD -. Le ricadute sui nostri concittadini, che usano il trasporto pubblico per motivi di lavoro o di studio saranno pesanti e incalcolabili. La notizia è fresca eppure tutto tace”.

“Silenzi dal centrodestra locale che ha tre consiglieri comunali di cui una è anche consigliera regionale – prosegue Carugno -. Pare che nei primi giorni di questa settimana sia venuto a Sulmona l’assessore Guido Liris, il mio unico vero avversario, ma probabilmente gli avranno offerto i pasticcini sebbene sia assessore regionale al bilancio e alle aree interne, tra le tante deleghe cui é depositario, e sebbene la TUA rientri tra le sue dirette competenze. In questa campagna elettorale il centrodestra è il convitato di pietra. O è assente perchè i suoi candidati dividono la loro residenza tra Lazio, Marche e Toscana e non sanno neanche dove sia l’Abruzzo, oppure stanno in pantofole in poltrona a seguire i sondaggi o a fare qualche puntatina aristocratica con pochi eletti in conviviali tipo esercito della salvezza.Il centrodestra della nostra città, così giustamente barricadero quando si trattò del punto nascite, oggi con il suo silenzio avalla le scelte regionali. Le aree interne subiscono sempre più una serie di spoliazioni di presidi vittime di una concezione aziendalistica dei servizi pubblici. Gli enti pubblici, specie quelli che forniscono servizi, non devono dimenticare che il loro primario principio informatore è quello di soddisfare i bisogni delle comunità prima ancora di generare utili aziendali. Ma a al centrodestra che governa la regione e oggi si candida a governare l’Italia sembra che di bisogni e di aree interne interessi ben poco”.

5 Commenti su "Tua e Regione snobbano Sulmona: ignorate le richieste dell’assessore D’Andrea"

  1. Da Avezzano parte un pullman da 50 posti con dentro max 10 persone per portare a lavorare operai di una grande Azienda sulmonese per fare ritorno ad Avezzano vuoto non sarebbe logico far fare da navetta questo pullman?

  2. Ma hanno fatto benissimo cosa stanno a fare qua a trasportare l aria?le istituzioni al posto di lamentarsi che iniziassero a lavorare per il posto che occupano che n altri due giorni neanche il sole ci sorge più qua!

  3. Il destino di Sulmona torni nelle mani del popolo, ma di un popolo patriota.

  4. Grazie Marsilio 😠

  5. Leggendo la cronaca di Sulmona di un quotidiano regionale, sembra che a seguito dell’incontro avuto siano state potenziate le corse da e per Roma da 2 a “ben” 3.

    Un successone istituzionale regionale.
    Un nuovo impulso all salvaguardia e crescita del territorio interno regionale.
    MA JET VINN!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*