Tua: nessun investimento in Valle Peligna

Quasi 6 milioni di euro di investimenti tra Masterplan e Pnrr e nessuno che riguardi Sulmona o la Valle Peligna “unica città abruzzese – commenta lo studioso Aldo Ronci – a rimanere fuori dalla realizzazione di nuove stazioni di servizio venendo di fatto declassata anche nei trasporti”.

Il bilancio degli investimenti di Tua, la società del trasporto pubblico abruzzese, chiuso nei termini del 31 dicembre come richiesto dalla legge, farà sentire i suoi effetti su L’Aquila, Teramo, Mosciano Sant’Angelo, Vasto, Avezzano, Pescara, Lanciano e Montesilvano, con nessuna ricaduta in questa parte delle aree interne.

Ci sono città dove i lavori previsti sono di completamento (come il terminal della Pietrosa a Lanciano o il miglioramento di quello di Vasto), altre dove sono di nuova costruzione come a Mosciano Sant’Angelo e ad Avezzano.

C’è, ancora, il terminal dell’Aquila, la messa in sicurezza delle fermate sulla statale 16 e 17, l’autostazione di Pescara e il deposito di Teramo.

Un programma esteso in tutto Abruzzo o quasi, perché nell’area peligno-sangrina Tua non ha investito un solo centesimo.

Una disattenzione che, secondo Ronci, risponde ad una scelta precisa sulla mappa del servizio secondo la strategia di Tua.

6 Commenti su "Tua: nessun investimento in Valle Peligna"

  1. Senza speranza | 9 Gennaio 2023 at 08:03 | Rispondi

    Questo la dice lunga su quanto conti la nostra classe politica e dirigenziale… la matrigna Aquilana ci considera solo come discarica, ma non muove un dito per le sue province perninventivarne la crescita …

  2. Chiara l’ironia finale del servizio, come altrettanto chiara è il perchè, e la risposta è sempre la stessa: L’ESCLUSIONE DELLA CITTA’ DI SULMONA DAI POLI DI ATTRAZIONE REGIONALI, ma qualcuno se ne frega? Forse L’Aquila? Nessuno, nemmeno i NOSTRI!!!

  3. Sub lege libertas | 9 Gennaio 2023 at 10:01 | Rispondi

    Un ringraziamento all’economista dott. Ronci che con la solita chiarezza e solerzia ci mette davanti alla cruda realtà. Spero che chi di competenza sia in grado (altrimenti andasse a casa) di raccogliere questi segnali di allarme prima che sia troppo tardi.
    Buon lavoro

  4. Escluso L’aquila e Avezzano,città “interne” , per il resto…SIG!
    Tutti al mareeee. 🏊‍♂️

  5. politica al palo | 9 Gennaio 2023 at 13:47 | Rispondi

    ma nn avevamo un solerte assessore comunale ai trasporti,…una consigliera REgionale,una senatrice…?
    non vivono piu in valle…?
    che disgrazia averli votati…

  6. SalviamoSulmona | 9 Gennaio 2023 at 19:43 | Rispondi

    Di Pierooooooooooo, incazzatiiiiiiiiii!!
    Riequilibrio territoriale, autonomia amministrativa con Sulmona capoluogo se vogliamo sperare di uscire da situazioni di merda.
    Si rimetta provocatoriamente in moto il meccanismo per l’elevazione del Centro Abruzzo ad una nuova ed autonoma realtà territoriale, basta continuare a prendere sberle da tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*