“Un libro contro il Coronavirus”, anche Lupi Editore partecipa

Per ogni libro venduto un euro devoluto a favore di ospedali o associazioni di volontariato. C’è anche la Lupi Editore tra le case editrici, in tutto sette, parte della campagna “Un libro contro il Coronavirus” che dall’Umbria è arrivata anche in Abruzzo.
L’iniziativa prevede che per ogni libro o ebook venduto, durante il mese di aprile, sul sito di ognuno degli aderenti, sarà devoluto 1 euro a favore di enti o associazioni che sono in prima linea per la lotta al Covid-19.

Ad oggi le sette case editrici, provenienti da diverse regioni italiane, sono: Piè di mosca (Perugia); Bertoni Editore (Perugia); Masciulli edizioni (Pescara); Zefiro book (Fermo); Lupieditore (Sulmona); Alessandro Polidoro Editore (Napoli); Giacovelli editore (Bari).

“Una campagna – si legge nella nota – che vede la cultura scendere in campo a sostegno della sanità, in un periodo così tanto difficile come quello che stiamo vivendo. La speranza è che anche altre case editrici seguiranno l’esempio di queste sette realtà regionali, che vogliono dare un loro contributo in questa dura battaglia. L’obiettivo di questa campagna vuole essere duplice, da un lato promuovere la lettura che aiuta in un momento di isolamento come questo che tutti stiamo vivendo, e dall’altro un piccolo ma concreto aiuto per le strutture ospedaliere delle nostre città”.

Commenta per primo! "“Un libro contro il Coronavirus”, anche Lupi Editore partecipa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*