Velocizzazione Pescara-Roma: Federconsumatori scettica, per Quagliarello un’opportunità

Firmato il “patto per velocizzare la linea ferroviaria Pescara-Roma” per Federconsumatori Abruzzo-Osservatorio mobilità la situazione non cambia: “Intanto che la classe politica firma patti per il futuro, il tempo di percorrenza da Pescara a Roma è passato da 3h e 3′ ( 1970) alle 3h e 22′ attuali. Inoltre allora le corse che collegavano Pescara a Roma erano sei, oggi sono tre. Peggioriamo il presente, per un risarcimento futuro. Anche perché nel futuro noi non ci saremo più, e nessuno potrà chiederci conto di quanto è stato fatto ( e soprattutto di quanto non è stato fatto)”. Un servizio ferroviario Che “peggiora ovunque” in Abruzzo visto anche il mancato ripristino del treno regionale Pescara-Foggia.

“Non siamo capaci di realizzare la promessa di un collegamento diretto tra Pescara e L’Aquila – prosegue la nota -. Non siamo capaci di ottenere da Trenitalia la Carta Tutto Treno per gli abbonati abruzzesi; carta che consentirebbe notevoli risparmi per gli abbonati, e che possono acquistare  tutti i pendolari dalla Puglia fino alla Lombardia, ma non gli abruzzesi. Non siamo capaci neanche di ottenere un minimo di riscaldamento per i cittadini in attesa nella stazione di Pescara: unico caso di stazione di dimensioni analoghe in campo nazionale. A Pescara d’inverno i cittadini in attesa del treno preferiscono aspettare fuori la stazione:  è meno freddo che dentro”.

Un milione di pendolari l’anno ma “la nostra classe politica è incapace di spendere una iniziativa, un gesto, una parola, contro il peggioramento del servizio ferroviario lungo la Direttrice Adriatica”. Un futuro in programma senza il governo del presente per l’associazione.

Non la pensa così Gaetano Quagliariello, senatore del collegio L’Aquila-Teramo. “Finalmente – dichiara – c’è un’amministrazione che ha preso in mano un dossier di cui si parlava da troppo tempo ed è stata in grado di trasformare promesse e finanziamenti fin qui rimasti sulla carta in progettualità. Ed è importante sapere che la realizzazione di questa infrastruttura si riverbererà anche sulle aree interne, non solo come effetto indiretto ma anche e soprattutto perché nel progetto esse saranno investite e coinvolte. Siamo all’inizio di un percorso che porterà all’apertura di nuove stazioni e all’avvio di ulteriori iniziative sul territorio, in un ambito fondamentale per il ripopolamento di aree altrimenti destinate all’abbandono”.

Commenta per primo! "Velocizzazione Pescara-Roma: Federconsumatori scettica, per Quagliarello un’opportunità"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*