Vendevano tonno andato a male: bloccati sull’autostrada, otto denunciati

Vendevano tonno rosso in cattivo stato di conservazione. Ad essere denunciate sono state otto persone per commercializzazione di sostanze nocive in concorso. La merce era destinata soprattutto al mercato ristorativo della capitale ed in particolare ad un esercizio il cui proprietario era cosciente del traffico.

Le minuziose attività di indagini svolte dalla polizia stradale di Pratola Peligna, in collaborazione con i Nas di Pescara, hanno portato allo scoperto un giro che veniva effettuato a mezzo di auto private da persone fermate più volte dalla stradale e quindi sotto controllo, volti noti lungo l’autostrada Pescara-Roma.

Questa mattina il mezzo è stato intercettato dalla stradale nel mezzo dell’ennesima “missione” tra Pratola e Popoli, di ritorno da Pescara con direzione Roma.

Intercettato il veicolo la stradale ha allertato i carabinieri Nas che hanno provveduto al controllo. All’interno del mezzo sono stati trovati 504 chili di tonno, del valore di 50mila euro, appoggiato sul pianale dell’auto senza alcun accorgimento igienico, a temperatura ambiente, incuranti della normativa in materia di trasporto alimentare.   Per il pesce, risultato in cattive condizioni, è stata ordinata la distruzione da parte del personale Asl1 intervenuto sul posto.

Commenta per primo! "Vendevano tonno andato a male: bloccati sull’autostrada, otto denunciati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*