Zona rossa in Abruzzo, Marsilio firma l’ordinanza

Nell’accogliere la richiesta dei sindaci, il presidente della Regione Marco Marsilio ha firmato l’ordinanza che di fatto istituisce la prima zona rossa d’Abruzzo. I comuni di Castilenti, Castiglione Messer Raimondo, Bisenti, Arsita, Montefino ed Elice saranno, così, sottoposti ad ulteriori restrizioni per evitare il diffondersi del Virus.

In particolare è stato istituito il divieto di allontanamento dal territorio e di accesso nel territorio dei comuni in questione consentendo, tuttavia, il rientro di coloro che al momento dell’ordinanza si trovassero fuori dall’area. Sono sospese le attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; di tutte le attività produttive e commerciali ad esclusione dei negozi di generi alimentari di prima necessità e delle attività connesse e serventi alla catena agroalimentare e sanitaria e comunque alle attività di interesse strategico e di carattere essenziale salvaguardate dalle restrizioni ai sensi del D.P.C.M. 8 marzo 2020 comma 1 (farmacie, parafarmacie, fornai, rivenditori di mangimi per animali, distributori di carburante per autotrazione ad uso pubblico, commercio al dettaglio di materiale per ottica, attività di trasporto connesse al rifornimento di beni e servizi essenziali dei presidi socio-sanitari esistenti,

Sono sospesi i cantieri, chiusi i parchi pubblici, gli orti comunali, le aree sportive a libero accesso, i servizi igienici pubblici e privati ad uso pubblico e vietato è l’utilizzo delle relative strutture. Sono soppresse tutte le fermate dei mezzi pubblici; chiusi i cimiteri comunali, garantendo, comunque, l’erogazione dei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione, cremazione delle salme.

Sono garantiti i servizi di raccolta e smaltimento, il servizio di consegna a domicilio di farmaci e generi alimentari per le persone in isolamento domiciliare fiduciario.

Commenta per primo! "Zona rossa in Abruzzo, Marsilio firma l’ordinanza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*