La scuola che non c’è

  Immobili, precarie, vulnerabili. Le scuole sulmonesi restano il vero tallone d’Achille della macchina amministrativa, tra lavori di messa in sicurezza e polo unico scolastico mai realizzato, agli istituti toccherà tenere ancora per un bel po’ al collo i nastri rossi e bianchi dei cantieri e i sigilli. Studenti costretti a peregrinare in altre scuole…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti