D’Alfonso oggi a Sulmona, pronto l’arrocco all’amministrazione Casini

Le apparizioni di Luciano D’Alfonso a Sulmona assomigliano tanto all’assedio di Vienna del 1683, dove gli ottomani provarono a penetrare nel cuore dell’Impero Austro-Ungarico, fermandosi però solo alle sue porte. Eh già, perché dopo una campagna elettorale condotta col silenziatore, in cui a Sulmona ha fatto solo una fugace apparizione nella Zona industriale di fronte lo stabilimento di Salsa Italia, il governatore-senatore D’Alfonso oggi ritorna in città, fermandosi – se è possibile – ancora più in periferia.

La sede della visita che si terrà alle ore 18.00 infatti sarà l’hotel Meeting, dove D’Alfonso parteciperà ad un incontro pubblico del Partito Democratico. “Abbiamo scelto il Meeting e non la sede del partito – spiega il segretario cittadino Sergio Dante – per allargare l’incontro anche ai semplici simpatizzanti e alla società civile, non rivolgendoci quindi ai soli nostri iscritti”. La venuta di D’Alfonso a Sulmona è stata preparata dal suo più fedele riferimento in Valle Peligna: Bruno Di Masci e non è troppo difficile immaginare il perché dell’incontro né i toni che verranno utilizzati.

Sì perché un po’ come per gli ottomani a Vienna, per D’Alfonso è iniziato l’arrocco di Sulmona e dell’amministrazione Casini dopo lo sgarro subito in consiglio regionale dall’ormai ex Assessore regionale Andrea Gerosolimo che ha votato a favore dell’incompatibilità del doppio ruolo del governatore-senatore D’Alfonso. Il fragile equilibrio che ha tenuto insieme i due in questi anni di consiliatura regionale si era già rotto da qualche tempo, ma la votazione contro D’Alfonso di Gerosolimo è suonata come una dichiarazione di guerra.

Ed è probabile dunque che si parlerà molto di politica cittadina, col consigliere Di Masci che potrebbe uscire dal torpore che l’ha caratterizzato in questi due anni di amministrazione Casini. Viene in mente Bianco Rosso e Verdone, quando Mario Brega pronuncia la celebre frase “Ah giovanò, sta mano po’ esse fero e po’ esse piuma, oggi è stata piuma”, che non sia forse giunto il momento di trasformare la piuma in ferro risvegliandosi dall’improvviso assonnamento? Lui che in campagna elettorale ruggiva come un leone contro il suo ex portaborse Gerosolimo, che – parole di Di Masci – “già all’epoca aveva dato dimostrazione di totale incapacità”.

Probabile anche che si parli di politica regionale, con le elezioni in vista e con Gerosolimo appunto che chiusa momentaneamente la parentesi centrosinistra, annusa possibili piste a centrodestra, dove ormai i contatti con Fabrizio Di Stefano e con Antonio Martino non sono più solo un vociare segreto, ma di pubblico dominio almeno fra gli addetti ai lavori: che stia pensando l’ex consigliere di candidarsi o candidare la propria compagna di vita, nonché moglie e Sindaca di Prezza Marianna Scoccia proprio nelle fila del centrodestra regionale? Magari in una lista civica, magari proprio in Civiche per l’Abruzzo – perimetro nel quale si muove momentaneamente anche Di Stefano – così da restare almeno in apparenza coerenti con la narrazione del civismo – che sia con la destra o con la sinistra lascia il tempo che trova perché sempre di civici si parla.

Considerazioni azzardate, va riconosciuto, perché il panorama politico nazionale e regionale è ancora confuso e magmatico ed ogni previsione può rivelarsi fallace perché mancano ancora pezzi di puzzle fondamentali come l’evoluzione e le ricadute politiche che avrà il prossimo governo Lega-Cinquestelle, ma mancano anche i nomi dei candidati presidenti alla Regione – che faranno la differenza.

Così nel frattempo è probabile che D’Alfonso tenti di scompaginare le forze in campo a Sulmona, minando quel percorso già fragile che si trova ad affrontare l’amministrazione Casini dopo le turbolenze in maggioranza e il rimpasto di giunta, affiancandosi politicamente alla marcia delle forze che tenteranno l’assalto al cuore dell’Impero gerolimiano, tenendo però ben a mente come si concluse l’assedio di Vienna.

Savino Monterisi

4 Commenti su "D’Alfonso oggi a Sulmona, pronto l’arrocco all’amministrazione Casini"

  1. Bell’articolo.

  2. Si può fare qualcosa per tagliare quella foto?
    Mi turba perché mi dolgo di aver avuto rapporti “amicali” con D’Alfonso e perché ora nutro una profonda disistima nei suoi confronti

  3. Anna Maria Coppa | 18 maggio 2018 at 8:01 pm | Rispondi

    Perchè toglierla, è una bella foto…
    “la politica mi pare che sia anch’essa un divertimento, talvolta terribile, comunque un divertimento” Eugène Ionesco

  4. Anna Maria Coppa | 19 maggio 2018 at 6:40 am | Rispondi

    Peccato!E’ stata tolta…
    ” L’amicizia è sempre una dolce responsabilità, mai un’opportunità.”
    Kahlil Gibran

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*