Nerostellati in rosa, la società lavora sulla squadra femminile

Si parla molto della sfida che i Nerostellati si apprestano ad affrontare nella D, si parla meno di un’altra sfida che, altrettanto velocemente, la società guidata dal presidente Gianluca Pace sta mettendo su in vista del prossimo campionato. Si tratta di coinvolgere le donne nel settore calcistico sia attraverso la formazione di una esclusiva squadra di calcio a 11 sia attraverso l’apertura di una scuola calcio dedicata alle più piccole. Una novità in casa Nerostellati, possibile grazie alla forza e all’entusiasmo del presidente Pace che di frenare la crescita societaria non ci pensa proprio, anzi, così facendo ha ampliato totalmente la sua offerta come poche società oggi in Italia fanno, comprendendo al suo interno anche una squadra di calcetto maschile.

Ma torniamo alle donne. L’idea nasce e matura velocemente dopo un incontro, non troppo tempo fa, del Coni a Roma dove si parlava proprio del settore femminile, a nulla sono valse le opinioni che, in un certo senso, puntavano a farlo desistere “Più mi dicono che una cosa non si può fare, più mi convinco che la devo fare- ha dichiarato il presidente-. Mi hanno sempre intrigato le sfide- ha aggiunto- ed è il momento che il calcio, uno sport sempre associato al mondo maschile, faccia i conti con i tempi che cambiano”.

Per la nuova squadra, pronta già ad affrontare il campionato 2017/2018 ora ci si sta concentrando sulla ricerca della figura che andrà a gestire la squadra. La rosa in buona parte è già pronta “ma stiamo cercand

o di ampliarla in modo da non avere problemi in caso di infortuni o assenze durante il campionato”. I Nerostellati in rosa partiranno dalla serie C perchè, diversamente dagli uomini,  il fatto di avere sul territorio, sia regionale che nazionale, pochissime squadre riduce di gran lunga il numero delle formazioni. Dunque la competizione si aprirà subito alla regione. Per quanto riguarda il settore giovanile, invece, “l’obiettivo è quello di formare una squadra totalmente al femminile- spiega ancora Pace-, ma qualora ciò non fosse possibile per via dei numeri provvederemo a creare delle squadre miste che fino ad una certa età sono consentite”. Il prossimo passo sarà, dunque, quello di trovare un allenatore capace e di organizzare uno stage per far conoscere al territorio la sfumatura rosa del calcio, un po’ alla “Sognando Beckham”.

Circa lo stadio in cui giocherà la prima squadra, invece, Pace ha dichiarato: “Il Comune di Pratola si sta adoperando per trovare una soluzione. In quanto al Pallozzi, noi non vogliamo invadere i territori di nessuno. A giorni avremo una risposta”.

Simona Pace

Commenta per primo! "Nerostellati in rosa, la società lavora sulla squadra femminile"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*