“Merde” sulla Waterloo peligna

“Merde” nella versione francese e storica, quella raccontata anche da Victor Hugo nei Miserabili, del visconte dell’armata napoleonica Pierre Jacques Étienne di Cambronne che, a Waterloo, davanti alla avanzata degli inglesi che invitavano lui e le sue truppe alla resa per evitare un inutile massacro così apostrofò i suoi nemici.


Il Pd cittadino ricorre ad un calzante parallelismo per chiedere all’assessore Mauro Tirimacco di “fare un passo indietro” sulla “pessima trovata dei cavalli al pascolo nel parco”, che hanno suscitato la reazione e l’indignazione anche di consiglieri di maggioranza come Angelo Amori, arrivato a minacciare una crisi politica se l’operazione stalla non verrà interrotta.


“La cosa ci puzza – dice il Pd per rimanere in tema – ci sembra un’arma di distrazione di massa” rispetto a problemi molto più seri: dal punto nascita, alla centrale Snam, alla sicurezza nelle scuole.
“Non si può però non convenire con il consigliere Amori – aggiunge il Pd – sulla sostanziale inutilità del provvedimento adottato dall’assessore Tirimacco, con effetti perversi sulla fruibilità della stessa area per i fini cui sarebbe destinata”. Che poi che i cavalli, come tutti, dopo aver mangiato digeriscono e defecano, non è che ci voglia la scienza infusa per capirlo.
Dal canto suo l’assessore non arretra e anzi rilancia, come Cambronne, fino a fine luglio e forse oltre, e “chi se ne frega” se tra escrementi e mosconi si dovrà ospitare ad agosto anche un Festival jazz nel parco-stalla.


“Riassumere questa vittoria in una parola impossibile da ripetere, perdere il campo e conquistare la leggenda, aver dalla sua, dopo quel macello, la maggioranza, è una cosa che raggiunge la grandezza di Eschilo. La parola di Cambronne – scriveva Hugo – fa l’effetto d’una frattura: la frattura di un petto per lo sdegno, l’irruzione dell’agonia che esplode!”.
Con Tirimacco che alla fine sarà ricordato come un eroe, chissà, colui che sferrò il colpo mortale alla maggioranza Casini-Di Masci e che sul campo della Waterloo in salsa peligna, lasciò la poltrona e le “merde”.

1 Commento su "“Merde” sulla Waterloo peligna"

  1. luciano mininni | 22 Giugno 2019 at 12:04 pm | Rispondi

    a me mi sembra che stanno facendo un sacco di baccano per nulla oppure per rompere, allora a Pescocostanzo e dintorni non ci dovrebbe andare nessuno visto che li è pieno di cavalli, vacche e pecore, e nei maneggi come si fa? allora nemmeno li, invece questi posti sono pieni di turisti, qua invece per quattro cavalli qualche imbecille fazioso ne sta facendo un caso storico, state facendo ridere tutta Sulmona, e non gli pseudo illustri intellettuali come voi, i popolani come me,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*