La candelora e il governo palindromo

Dopo il civico e la salute pubblica, sembra che Sulmona sia pronta a sperimentare anche il “governo palindromo”, giusto per restare in tema con la numerologia, che oggi 02 02 2020 ci cade proprio a pennello. Il sindaco Annamaria Casini che si guardi a destra o a sinistra, d’altronde, sempre un 8 vede: 8 quelli disposti a tenerla fino al prossimo anno, 8 quelli che non ce la vogliono, 8 quelli pronti a firmare (che non sono gli stessi che non ce la vogliono) e 8 quelli che a firmare non ci pensano proprio. Con Bruno Di Masci che, con o senza i suoi, ribadisce “di essere convintamente all’opposizione”. Succeda quel succeda, persino un commissariamento lungo.


In mezzo c’è lei, la sindaca, che volendo potrebbe tenere in piedi una sindacatura sul filo del rasoio (8 più il suo voto), che neanche un raffreddore può prendere ad uno dei consiglieri rimasti se si vuole evitare di finire sotto con i numeri. Che chi glielo dice ad un recordman di assenze come Angelo Amori, ad esempio, di dover cambiare le sue abitudini. Specie al tempo del bilancio, quando e se sarà a marzo, che con quello bocciato arriva subito il commissario.


Ma tant’è dopo dieci giorni senza giunta e un mese e mezzo di crisi conclamata, a palazzo San Francesco si continua a fare “l’ammuina”, persino a scherzare su un appuntamento dal notaio per lunedì pomeriggio, come è circolato ieri sera in una chat dei consiglieri di minoranza.
Una maggioranza così debole, però, potrebbe non convincere i già poco convinti gerosolimiani, pronti a quanto pare a firmare insieme a Bruno Di Masci e, dopo la “tana” di Di Masci, anche qualcuno del centrodestra. Che poi dovranno spiegare perché chiedono la sfiducia, ma non vogliono sfiduciare il sindaco.
Il giorno palindromo, in fondo, quest’anno cade alla candelora. Non resta che accendere un cero.

1 Commento su "La candelora e il governo palindromo"

  1. Sì ma questa politica in questo modo ,e non soltanto a Sulmona ma in termini generali, sembra un dibattimento di povertà.Cioè, nascosta gente di sfavorevole estrazione provenienti da famiglie povere con problematiche sociali ed economiche tetrissime, si svelano in questi atteggiamenti gretti e terrigeni dove hanno abbandonato, semmai abbiano realmente e privatamente in famiglia , avuto possibilità e serenità per costituirli , il senso della dignità e dell’onore, e ,compressi dalla sfortuna e dalla miseria si affrontano con questi bassi argomenti in una gamma di gente di uno stesso livello tra di loro , allo stesso modo come nei gironi calcistici dove sono divisi per fortuna dalla serie A alla terza categoria. In altri ceti di genti più elevate ,economicamente e socialmente, questi fenomeni conseguenti da queste caratteristiche umane ,sono aborriti se non sconosciuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*