Mobilità su due ruote, Bicincontriamoci propone il Pums

Partire dal Pums (piano urbano di mobilità sostenibile). È questo l’esito dell’incontro organizzato da Bicincontriamoci Sulmona, in collaborazione con gli Ordini degli Architetti di Teramo e dell’Aquila, su “Mobilità ciclistica e turismo in bicicletta  come strumento di innovazione e opportunità di sviluppo”. Inutile ripetere come da più voci sia stato ribadito come  il cicloturismo sia considerato assolutamente un valore aggiunto per il territorio, anche in considerazione della posizione di Sulmona e dintorni, al centro di tre parchi nazionali; nonché il valore che tale mezzo assume nell’ambito della mobilità sostenibile. Fatte queste premesse, lo strumento per agevolare questa mobilità è il Pums, strumento  finanziato, tra l’altro, dall’Unione Europea.

“Pums- spiegano da Bicincontriamoci- significa riprogettare, pianificare e avviare una concertazione

tra i vari portatori di interesse sotto la guida di esperti, e il progetto  può  accedere  a fondi europei specifici”. Sulmona, inoltre, rientra tra le città che obbligatoriamente dovrebbe adottare il Piano Urbano del Traffico (PUT) “fermo da circa 18 anni senza che nessuno si preoccupi della sua revisione- sottolinea l’associazione-. Potrebbe essere un’ottima occasione per mettere  mano a un vero Pums”.

Buone speranze erano state riposte nel sindaco Casini. “Ci era sembrata positiva e propositiva- raccontano gli amanti delle due ruote-. Avevamo anche una forte speranza nella sua persona in quanto sapevamo della sua esperienza in termini di progetti europei”. Da lì più nulla. “Purtroppo non c’è  stata finora una sua risposta in merito e questo ci lascia sconcertati, come pure ci lascia sconcertati il fatto che nessuno dell’amministrazione abbia ritenuto utile intervenire alla conferenza”.

Un disinteresse tutto “nostrano” ed isolato perchè nel resto d’Europa la situazione mobilità sembra essere totalmente diverse ed incentrata, soprattutto nelle capitali, all’uso della bicicletta che dà un bell’aiutino anche al Pil nazionale.

“La mobilità non è un problema  secondario per la vita e l’organizzazione cittadina, basti pensare a quanto sta accadendo in questi giorni: se ci fosse stato un Pums o almeno un minimo di programmazione non ci sarebbe caduta tra capo e collo la bretella ferroviaria  che taglia fuori Sulmona declassandola come una zona di secondaria importanza” concludono da Bicincontriamoci.

S.P.

Commenta per primo! "Mobilità su due ruote, Bicincontriamoci propone il Pums"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*