No Hub del Gas, tra poco sit-in a Case Pente

Tutto pronto per il sit-in No Hub del Gas previsto tra poco a Case Pente, la località sulmonese dove la Snam vuole costruire la sua centrale di compressione a spinta di supporto al metanodotto Brindisi-Minerbio che passerà anche per la Valle Peligna e l’Abruzzo sismico. Ipotesi che il coordinamento No Hub del Gas, da giovedì scorso impegnato nel primo campeggio nazionale, vuole assolutamente scardinare. Ieri durante le assemblee si è parlato tanto, con i vari collettivi intervenuti agli incontri, di creare un movimento com

une, condiviso, che possa tornare a far sentire la voce del popolo e la necessità di dare un corso diverso alle questioni che interessano la propria terra.

I temi toccati sono stati quelli dell’energia e dell’impatto delle grandi opere, pensiero fisso di buona parte dei gruppi impegnati, appunto, nella difesa del territorio, dai No Tav ai No Triv, passando per le Brigate di Solidarietà Attiva. E si è passati poi a discutere e confrontarsi sulle vertenze del gas in Italia con il coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia, il Comitato Ambiente e Salute nel Piceno, Coordinamento No Hub del Gas Abruzzo, Comitato I Discoli del Sinarca – Guglionesi e movimento No Tap.

L’idea, dunque, è quella di arrivare ad un documento condiviso che possa unire in un’unica “resistenza” le diverse esigenze dei movimenti, un lavoro che, pare, in tanti sono disposti a portare avanti. A chiudere la giornata di ieri al campeggio, poi, uno sguardo al cielo con l’osservazione astronomica,Saturno, alla ricerca di una buona stella che, chissà, potrà positivamente influire sulla vertenza No Hub. Intanto l’appuntamento per il sit-in è alle 11 al parcheggio del cimitero di Sulmona, per raggiungere poi uno dei terreni di Case Pente.

S. P.

Commenta per primo! "No Hub del Gas, tra poco sit-in a Case Pente"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*