Ospedale, ecco il Piano assunzioni per la “scatola vuota”

Tra il dire e il fare ci sono di mezzo le elezioni regionali, perché di assunzioni all’ospedale di Sulmona si parla da tempo e da quasi un anno, ad esempio, si attende la nomina del primario di Anestesia e Rianimazione, nonostante il concorso sia stato espletato e la terna pronta. Ma tant’è ieri durante il taglio del nastro del nuovo ospedale, manager e assessore regionale alla Sanità, hanno annunciato di aver approvato il piano assunzioni per la Asl che, a Sulmona, dovrebbe aprire almeno una quindicina di posizioni dirigenziali.
Si tratta di un programma importante, reso possibile sostanzialmente dall’uscita dal commissariamento che per dieci anni ha bloccato l’Abruzzo nel turnover e che, chissà, insieme alla nuova struttura, la prima e l’unica antisismica in regione e con una dotazione strumentale invidiabile, potrà, si spera, invogliare qualche camice bianco a scegliere Sulmona come sua residenza. Perché il problema vero, al di là della struttura di cui c’era un vitale bisogno, nella sanità peligna sono principalmente le professionalità che mancano e che a Sulmona, finora, non sono volute venire. Da queste dipende la fiducia dei pazienti, perché si sa che quando si tratta di salute l’utente segue dovunque il suo medico.
Qualificare l’offerta sanitaria non è solo un vezzo, né solo un diritto, ma anche una questione economica: la mobilità passiva è ancora troppo alta nella nostra regione e nella nostra Asl, specie in zone di frontiera come la nostra (includendo anche l’Alto Sangro).
Dunque la sfida che il Centro Abruzzo ha davanti ora è quella di riempire quella scatola vuota, bella e accogliente, ma pur sempre, ad oggi, vuota. Si potrà farlo, per iniziare, riempiendo le caselle da troppo tempo vuote e che il Piano assunzioni approvato prevede.

Nello specifico si tratta del primario e di due dirigenti medici per Anestesia e Rianimazione, per Chirurgia generale e per Medicina interna; di un dirigente per il Pronto soccorso, per Ortopedia e per Pediatria. Sono poi in corso le assunzioni, ma a tempo determinato, di un dirigente medico per Oncologia (dopo il pensionamento del dottor Saggio venerdì scorso), uno ad Ematologia ed uno a Chirurgia Generale. Nessuno, invece, ha risposto agli avvisi a tempo determinato per Radiologia e per Ostetricia e Ginecologia, quest’ultimo reparto in crisi per le continue voci e i paventati progetti di chiusura che, ci si augura, saranno fugati presto.

Il primo livello è uno strumento per assicurare il Santissima Annunziata ad un futuro più stabile, ma cominciare dal rendere operativo quello che già è previsto, sarebbe un enorme passo in avanti che la politica, quella locale e quella regionale, deve guidare con convinzione e serietà, a prescindere dalle scadenze elettorali.

Ecco perchè quando a primavera il gioiello antisismico del Santissima Annunziata aprirà i battenti, ad elezioni concluse, sarà importante verificare che le caselle opzionate ieri con gli anunci saranno riempite in ogni spazio.

Commenta per primo! "Ospedale, ecco il Piano assunzioni per la “scatola vuota”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*