Senza D’Alfonso Consiglio regionale rinviato, l’opposizione esplode

E’ un Pd un po’ stordito dagli ultimi risultati elettorali quello che oggi ha voluto il rinvio del Consiglio regionale a martedì prossimo causa l’assenza del presidente D’Alfonso. Un Pd al quale l’opposizione non risparmia di girare il dito nella piaga con Forza Italia e Cinque Stelle i prima linea.  Volendo integrare i due comunicati, la musica suona un po’ così: ““Una maggioranza in frantumi” che ha subito il “Colpo di grazia”.

Ma insomma: “Vergognoso il comportamento di questo esecutivo targato centrosinistra- scrivono i consiglieri forzisti Lorenzo Sospiri, Gianni Chiodi, Paolo Gatti, Mauro Febbo e Emilio Iampieri-.  Non può essere un motivo di rinvio di una seduta consiliare la sola assenza del Presidente della giunta. Inoltre- prosegue il gruppo- D’Alfonso offre un banale motivo istituzionale per ‘evadere e scappare’ dai lavori del Consiglio regionale ben consapevole di non avere più i numeri in aula per avviare i lavori consiliari considerato il brutto malumore serpeggiante tra i consiglieri e le assenze palesate all’indomani del pessimo e bruciante risultato elettorale raccolto dal Partito Democratico in tutti i ballottaggi”.

“Sono mesi – continuano– che in Aula non portiamo leggi e provvedimenti importanti per il bene dell’Abruzzo.

Mancano non solo una visione ed un programma di governo, ma anche i numeri per governare e decidere. Le insoddisfazioni e le insofferenze interne al centrosinistra (in particolare al PD) hanno di fatto portato la Regione Abruzzo ad uno stato di immobilismo, col rischio di far precipitare questioni importanti. Pensavamo che questa situazione si sarebbe conclusa dopo le amministrative, ma in realtà prendiamo atto, nostro malgrado, che è il prodotto di tre anni del governo regionale a guida D’Alfonso”.

Uno “sciacallaggio politico” lo definiscono che provoca solo immobilismo nelle scelte e nel buon funzionamento dell’Abruzzo. “Crediamo che D’Alfonso – concludono–debba solo prendere atto che non ha una maggioranza coesa e compatta intorno alla sua figura che vediamo sempre più in affanno e impegnata solo a propagandare il nulla assoluto”.

Non sono da meno quelli del M5S: “Sono sei mesi che questo consiglio regionale non produce atti concreti per la Regione. Tra rinvii e discussioni inutili, il consiglio è ostaggio di un Non-Governo che singhiozza dentro e fuori dall’aula e che trasuda debolezza strutturale e amministrativa”.  Ora tutti i consiglieri regionali sembrano solo proiettati verso le elezioni politiche” incalzano i 5 stelle “l’unico pensiero dei consiglieri di centrosinistra e centrodestra, scelti dagli abruzzesi per migliorare la regione in cui vivono, è abbandonare la regione per la scalata al parlamento!” proseguono i 5 stelle che concludono “Se chi governa la regione ha altro a cui pensare, se l’obiettivo è solo accomodarsi su poltrone più grandi e più comode, si faccia da parte e lasci governare noi!”.

Commenta per primo! "Senza D’Alfonso Consiglio regionale rinviato, l’opposizione esplode"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*