Il requiem del Caniglia

Non resta che attendere che la parola si faccia carne, che le promesse insomma si traducano in finanziamenti per far partire in qualche modo la storica macchina che per 33 anni ha celebrato il nome della città in giro per il mondo. Al Caniglia i sipari restano chiusi, sigillati, le arie e le operette poste…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti