La campagna anomala

Se in questa campagna elettorale costellata di big nazionali dovessimo fissare un prima e un dopo per la Valle Peligna, il punto di snodo sarebbe senza dubbio il comizio del ministro degli Interni Matteo Salvini. Se fino a quel punto il vantaggio della Lega sugli avversari era stato solo percepito, da quel momento il consenso…

Il contenuto di questo articolo è riservato ai membri Sostenitore

Registrati per continuare la lettura dell’articolo.
Sei sei gia iscritto, fai il Login
Visita la nostra pagina per saperne di più! InfoAbbonamenti