Sanità, il Tdm chiama a raccolta i candidati alla presidenza della Regione

C’è anche la sanità tra gli argomenti fondamentali che il futuro presidente della Regione Abruzzo dovrà trattare con le pinze, perché di polemiche ed esigenze ce ne sono parecchie. Lo ricordano quasi a cadenza bisettimanale le varie sigle sindacali. Per questo il Tribunale dei Diritti del Malato, in prima linea nel sostenere gli utenti abruzzesi, ha organizzato un incontro con i candidati.

L’appuntamento si svolgerà il 29 gennaio 2019 ore 15:30 presso la Comunità Montana, “per relazionare sui problemi che attanagliano la sanità sul territorio ed elaborare proposte per migliorare la sanità” spiega la coordinatrice Catia Puglielli.

All’incontro parteciperanno rappresentanze dell’ospedale e del 118. Verranno rappresentate le problematiche riguardanti il presidio ospedaliero +, le cure territoriali, i trasporti sanitari, la medicina di base. Si parlerà di riqualificazione della rete ospedaliera , della necessità di sicurezza ed efficienza e concentrazione delle specialità. A tutte le persone interessate potranno comunque partecipare.

2 Commenti su "Sanità, il Tdm chiama a raccolta i candidati alla presidenza della Regione"

  1. Nella mia lunga vicenda professionale ne ho sentito di queste campane suonare. A festa o …a morto? Decidete voi. Cosa diceva D’Alfonso nel suo manifesto elettorale che fu “l’Abruzzo vale”? “Facile per ottenere accertamenti diagnostici e terapie e per la costituzione di uno sportello utile per la salute …” e via scrivendo sogni. Tutto realizzato? Ora qualcuno ci riprova, per il popolo bue, che si beve anche l’aceto. I nostri due ,una volta magnifici ospedali,Popoli e Sulmona, sono al mozzicone della candela. Il mio augurio è che non si spengano del tutto.

    • Nondimeno, va riconosciuto alla signora Puglielli l’impegno che profonde nel chiamare all’impegno per la sanità locale interessandone i candidati presidenti, e questo perchè come da lei affermato, la sanità è una gestione tutta politica che a seconda delle zone suona a festa o a morto e dove, ahimè, anche i politici di zona hanno fatto danni.
      Mi unisco al coro di auguri per la sanità locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*