L’aria irrespirabile

(foto Massimo Del Signore)

“Chiudete le finestre” dice il sindaco di Sulmona: l’aria è irrespirabile. Le analisi dell’Arta dicono che “è stato registrato un innalzamento di concentrazione per tutti gli inquinanti monitorati”.
Non è una grande sorpresa, c’era da aspettarselo. Il fuoco genera fumo e distruzione. Il nodo in gola, però, non è solo a causa dell’aria per la “concentrazione di inquinanti che hanno raggiunto medie orarie significative”, ma anche e soprattutto per questo circo dell’orrore, con il Morrone a saltare nel cerchio di fuoco. Tutt’intorno questa notte, come una corona di spine.
L’approssimazione, la mediocrità, i ritardi, le assenze e le presenze ingombranti, rendono, quelle si, l’aria irrespirabile. Con le passerelle della politica e i silenzi dei vertici del Parco, le promesse di intervento, puntuali e disattese.
Da quattro giorni quattro il cuore del Parco della Majella brucia, senza che l’uomo e la politica siano stati in grado di dare risposte. Perché un pezzo di benzina, su questa brutta vicenda destinata a diventare storia, ce l’ha messa proprio la politica.
Il piano antincendio della Regione Abruzzo, la regione verde d’Europa, semplicemente non esiste: non esistono mezzi dedicati, reti organizzate, personale addestrato.
Come spettatori di un film horror i pur encomiabili soccorritori, volontari e non, stanno ore ed ore a presidiare le case a valle, mentre a poche centinaia di metri il bosco arde.
Non possono intervenire, dicono, perché non sono autorizzati e perché non sanno neanche dove passare: uomini, donne e ragazzi che provengono da tutta la regione, ma che il territorio non lo conoscono. Non conoscono i sentieri, le strade di avvicinamento, le mulattiere e nessuno gli ha neanche fornito una mappa.
Tutti con gli occhi puntati in alto ad aspettare ogni quasi ora, quando va bene, il lancio di un Canadair o lo spruzzo di un elicottero e la sera ad ammirare il cerchio di fuoco che cresce e si espande, che fa quel che vuole.
Così proprio non va, si sono detti i cittadini che già ieri sera si sono organizzati per fare da soli.
Domani torneranno in cima, loro, senza autorizzazioni e senza permessi, a proteggere la loro terra: con pale e picconi, come si fa, si doveva fare sin dall’inizio.
L’appuntamento è alle otto davanti alla chiesa delle Marane: pala, zappa e possibilmente un fuori strada per l’avvicinamento. Ma soprattutto armati d’amore per questa terra, per questa montagna che brucia e che il fuoco divora, insieme all’identità dei suoi abitanti.
Aprite le finestre, c’è l’aria da cambiare.

3 Commenti su "L’aria irrespirabile"

  1. manola amoroso | 24 Agosto 2017 at 2:28 am | Rispondi

    La mia montagna preferita,che adoravo scalare la ragazza ,non esiste più.Questa notte per me è stata una veglia funebre.Cosa accadrà
    Adesso che arriverà la stagione fredda con le piogge?Non ci saranno più i premurosi alberi a proteggerci

  2. Ma come scrive l’autore? Pessimo articolo

  3. Signor Ajeje sono certo che troverà soddisfazioni alla sua elevata cultura letteraria su altre testate. Ne approfitti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà mostrato.


*